Dal 4 febbraio 2013 ad oggi ci avete visitato in 52691.


Come si fa?

Per destinare il 5 per mille alla Polisportiva Cali Roma XIII, basta apporre la firma nel riquadro recante "Sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche in possesso del riconoscimento ai fini sportivi rilasciato dal CONI a norma di legge" ed indicare con precisione il nostro codice fiscale/partita iva:
 
Importante: se non devi consegnare il modello 730 o il modello UNICO puoi scegliere comunque di destinare il 5X1000 consegnando il modello presente nella Certificazione Unica 2019 compilato con firma e CF della Polisportiva Cali Roma XIII, in banca o in posta, in busta chiusa con la dicitura "5 X 1000".
 
SPARGI LA VOCE TRA COLLEGHI AMICI E PARENTI, E' UN MODO SEMPLICE
PER SOSTENERE L'ATTIVITA' DEI NOSTRI RAGAZZI.

I NOSTRI SPONSOR

La nostra storia - Franco

C'era una volta....
di Franco di Bello
Era il 1971, quando l'Azienda Italcable, che aveva in concessione dallo Stato Italiano la gestione per le telecomunicazioni intercontinentali,  decise di trasferire i suoi reparti operativi dalla vecchia sede di Piazza San Silvestro al centro di Roma nei nuovi centri operativi edificati ad Acilia in zona Macchia Palocco.
Nel 1972, terminata la fase di trasferimento ed avviata la piena operatività, un gruppo di dipendenti dette vita al Circolo Aziendale Lavoratori Italcable (CALI).
Le finalità erano quelle di creare all’interno dell’Italcable un Circolo ricreativo in alternanza al circolo ENAL sempre più legato a vecchi schemi dopolavoristici e troppo legato ai vertici aziendali; soffiava impetuoso il vento del ’68.
Claudio Zolesi, Riccardo Brandi, Franco Di Bello, Antonino Caridi e Bruno Matarazzo furono tra i fondatori del CALI.
Le attività iniziali furono l’atletica leggera ed il baseball, poi seguite dal calcio, dal basket e, parallelamente, da una serie di iniziative culturali e ricreative.
La caratteristica del CALI fu quella di legarsi immediatamente al territorio circostante, Acilia, in quegli anni in piena espansione spesso disordinata ed abusiva, cercando di integrare nelle attività anche cittadini giovani e adulti che in quel territorio vivevano cercando di costruire un minimo di tessuto sociale e culturale.
Un discorso innovativo che trovò non pochi contrasti sia da parte dell’Azienda ma anche di forze politiche/sindacali o di gruppi di lavoratori che temevano di perdere una serie di privilegi senza capire che, quel territorio in cui all’inizio andavano solo a lavorare, presto sarebbe stato il posto dove sarebbero andati a vivere per costruire il futuro per sé e per la propria famiglia.
Negli anni le attività del CALI diventarono qualcosa di ben strutturato e continuo tanto da arrivare ad un pieno riconoscimento Aziendale e Sindacale. Ma fu proprio nel momento della maturità come Circolo Aziendale che si sentì la necessità di accentuare e codificare la presenza sul territorio; anche perché Acilia e la XIII^ Circoscrizione erano ormai diventate una grossa realtà urbana e le esigenze di sport e cultura, in special modo dal mondo giovanile, crescevano di stagione in stagione.
Dopo alcuni anni di attività parallela tra il CALI e la struttura collegata CALI Roma XIII , creata appositamente per lavorare a pieno titolo nel territorio, si decise che era tempo che le due entità continuassero a vivere di vita propria; nacque così la Polisportiva Roma XIII con Claudio Zolesi e Bruno Matarazzo prevalentemente orientata verso l’atletica leggera, rimase il CALI come attività dopolavoristica confluita poi nell’unificazione con altre sigle presenti in Italcable per dar vita al CRALI uno dei primi esempi in Italia di CRAL unitario in linea con lo Statuto dei Lavoratori, rimase il CALI Roma XIII con le restanti attività sportive del Baseball, Basket e Pallavolo con Franco Di Bello, Riccardo Brandi ed altri.
Tralasciamo i modi, i come, i perché delle tante divisioni, scorpori, scissioni che dal CALI originario hanno dato origine a tante altre società che oggi operano sul territorio della XIII° Municipio: AAA OSTIA, Atletica Ostia, Podistica Ostia, CAS Acilia, Atletica Casalbernocchi, Aris Runners; appartengono ai ricordi di persone ormai con i capelli bianchi, per quelli che ne hanno ancora.
Oggi a noi interessa sapere che da quel nucleo originario altre realtà continuano ad operare con quello spirito, a far avvicinare i giovani allo sport, a far praticare attività fisica anche ad adulti e non più giovani.
A distanza di anni, vengo avvicinato da “vecchi” atleti che in passato ho allenato da ragazzi o comunque ho seguito come dirigente, e che mi chiedono consiglio non per sé ma...per il figlio o la figlia, da avviare alla pratica sportiva.
E' bello sentirsi riconosciuti dopo tanti anni, ricordare qualche momento di gare  o avvenimenti andati.



 
 Franco         

oggi, ecco una parte di quei ragazzi terribili del CALI degli anni '70/80;
da sx Valter, Stefania, Claudio, Franco, Luciano

METEO

Link Utili

LA STORICA PROMOZIONE IN B2 - Anno 2014/2015





Sito generato con sistema PowerSport